fbpx

Finanziaria 2010:Credito d’ imposta per imprese che investono in ricerca e innovazione

Finanziaria 2010: credito d’ imposta per le imprese che investono in ricerca e innovazione

Continuano le agevolazioni fiscali, sotto forma di credito d’ imposta, per le imprese che investono in ricerca , sviluppo ed innovazione.

Tra le novità proposte dalla Finanziaria 2010 troviamo infatti uno stanziamento aggiuntivo di 200 milioni di euro per ciascuno degli anni 2010 e 2011.

Che cosa si intende esattamente per credito d’ imposta?

Il credito d’imposta, in generale, è un’ agevolazione disciplinata da norme legislative, prevista a favore di determinati soggetti in base a particolari requisiti. Rientra a pieno titolo nel sistema di aiuti previsto a favore delle imprese.

Le imprese, a prescindere dalla loro dimensione, dalla localizzazione e dal settore di appartenenza, possono richiedere l’ agevolazione semplicemente attraverso la compilazione dell’ apposito riquadro del modello Unico ed ottenere una concreta riduzione del carico fiscale – imposte IRAP e IRES.

Il credito d’ imposta è calcolato sulle spese normalmente ammissibili per le attività di ricerca e sviluppo, in particolare:
– costi per il personale ( ricercatori e tecnici impiegati nell’attività di ricerca );
– costi per strumenti e attrezzature ( nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto );
– costi per fabbricati e terreni;
– spese di consulenza specifiche per l’ attività di ricerca e sviluppo tecnologico;
– materiali
– l’acquisizione dei risultati della ricerca contrattuale, l’acquisizione delle competenze tecniche o i costi sostenuti per l’acquisto di brevetti.

La percentuale delle spese ammissibili da detrarre è pari al 10% per le attività realizzate dall’impresa mentre tale percentuale aumenta al 40% se i progetti hanno visto la concreta collaborazione da parte delle Università o dei centri di ricerca.

Non esiste alcuna restrizione per quanto riguarda la localizzazione dell’attività di ricerca: le attività commissionate a soggetti esterni all’impresa sono agevolate nella stessa misura ed alle stesse condizioni, siano esse svolte sul territorio italiano o in quello europeo.

Il credito di imposta, in quanto misura di fiscalità generale, non costituisce aiuto di Stato ed è quindi cumulabile con eventuali aiuti di Stato (anche alla R&S) ricevuti a valere sulle stesse attività e sugli stessi beni.
(Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico http://www.sviluppoeconomico.gov.it )

Per ricevere le nostre novità e i nostri aggiornamenti  iscriviti alla  newsletter di PlanConsulting.it

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lascia il tuo commento

A cura di Dott.ssa Alessandra Gervasi Ufficio Finanziamenti Plan Consulting

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clicca qui per avvertirmi di successivi commenti tramite e-mail. You can also subscribe without commenting.

Comments links could be nofollow free.