fbpx

Societa' :Bonus aumenti di capitale – Diamogli un'occhiata!

Bonus aumenti di capitale…


Il bonus sugli aumenti di capitale rientra nel quadro degli interventi disposti dalla manovra d’ estate ( Decreto–Legge n.78/2009 ) a favore delle imprese.

La norma in esame ha per obiettivo il rafforzamento del patrimonio delle società mediante immissione di nuove risorse da destinare all’attività di impresa.

A tal fine consente alle società di escludere da imposizione fiscale il 3 per cento degli aumenti di capitale di importo fino a 500.000 euro perfezionati da parte di persone fisiche dal 5 agosto 2009 al 5 febbraio 2010 mediante conferimenti.

L’esclusione da imposizione fiscale è applicabile ai fini delle imposte sui redditi e dell’IRAP ed è riconosciuta per il periodo di imposta in cui l’aumento di capitale è perfezionato e per i quattro periodi di imposta successivi.
Vediamo più nel dettaglio i soggetti interessati, gli aumenti di capitale ammissibili, gli effetti dell’ agevolazione e la possibilità di cumulo con altre agevolazioni.

Soggetti interessati
Beneficiarie dell’agevolazione sono innanzitutto le società di capitali (società per azioni, società in accomandita per azioni e società a responsabilità limitata) nonché i soggetti costituiti in forma societaria sottoposti alla disciplina delle società di capitali quali ad esempio le società cooperative. Possono beneficiare dell’agevolazione anche le società di persone che svolgono attività d’impresa e, quindi, le società in nome collettivo e le società in accomandita semplice titolari di redditi d’impresa.
Non assume alcuna rilevanza ai fini dell’agevolazione il settore economico di riferimento o la dimensione aziendale delle società beneficiare.

Aumenti di capitale ammissibili
Per quanto concerne gli aumenti di capitale, sono agevolabili:
– i conferimenti effettuati da persone fisiche a fronte della sottoscrizione di azioni o quote in sede di costituzione o di aumento del capitale sociale;
– i versamenti a titolo di soprapprezzo effettuati da persone fisiche all’atto della sottoscrizione di azioni o quote;
– i versamenti in denaro a fondo perduto eseguiti da soci persone fisiche, che non comportano obblighi di restituzione da parte della società, e la rinuncia incondizionata dei soci al diritto alla restituzione di crediti verso la società.
Gli aumenti di capitale ammissibili  sono quelli perfezionati a decorrere dal 5 agosto 2009 (data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge n. 78 del 2009) e fino al 5 febbraio 2010 (termine finale).

Occorre precisare che:
1)    i conferimenti e i versamenti, in qualunque forma, devono essere effettuati mediante modalità che consentano di verificarne con certezza la data in cui sono avvenuti e il relativo importo (ad esempio, mediante versamento nel conto corrente acceso dalla società destinataria presso un istituto di credito).
2)    nell’ipotesi in cui, nel periodo di riferimento, siano perfezionati aumenti di capitale di importo complessivamente superiore al limite massimo, l’agevolazione trova applicazione limitatamente all’importo di 500.000 euro.

Effetti dell’ agevolazione

Per gli aumenti di capitale «si presume un rendimento del 3 per cento annuo che viene escluso da imposizione fiscale per il periodo di imposta in corso alla data di perfezionamento dell’aumento di capitale e per i quattro periodi di imposta successivi».
Il rendimento presunto è calcolato forfetariamente applicando l’aliquota del 3 per cento sull’importo dell’aumento di capitale perfezionato ed effettivamente versato al termine del periodo di imposta. Se il periodo che va dal 5 agosto 2009 al 5 febbraio 2010 comprende due periodi di imposta, occorre calcolare distintamente gli aumenti di capitale e i versamenti riferibili a ciascuno dei due periodi di imposta.

Il rendimento presunto “viene escluso da imposizione fiscale”. Per quanto riguarda le imposte sui redditi, l’agevolazione è fruita apportando una variazione in diminuzione della base imponibile del reddito di impresa del periodo di imposta di perfezionamento dell’aumento di capitale e nei quattro periodi di imposta successivi. La detassazione opera indipendentemente dal risultato di esercizio ottenuto, utile o perdita.
L’agevolazione consiste nell’esclusione dal reddito di impresa di un importo determinato in funzione degli aumenti di capitale, ottenuta mediante una variazione in diminuzione del reddito imponibile. Ai fini fiscali, l’effetto che ne deriva si sostanzia in una riduzione d’imposta che non assume autonomo rilievo per la determinazione del reddito stesso.

Cumulo con altre agevolazioni

Nella norma non è prevista la non cumulabilità  per cui si ritiene che  l’agevolazione sia cumulabile con altre misure; ad esempio è compatibile con la  Tremonti-ter  che prevede la  detassazione degli investimenti per l’acquisto di macchinari.

( Fonte:www.agenziaentrate.gov.it )

Per ricevere le nostre novità e i nostri aggiornamenti  iscriviti alla   newsletter di PlanConsulting.it

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lascia il tuo commento

A cura di Dott.ssa Alessandra Gervasi Ufficio Finanziamenti Plan Consulting

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clicca qui per avvertirmi di successivi commenti tramite e-mail. You can also subscribe without commenting.

Comments links could be nofollow free.