fbpx

Apertura attivita' commerciale :Senza garanzie come fanno i giovani a finanziarsi?

La prima settimana  di marzo 2010 sono stato contattato da due  giovani disoccupati che  erano intenzionati ad aprire una attività commerciale.

Mi hanno chiesto di verificare se ci fossero state agevolazioni  per ottenere dei finanziamenti  regionali .

I giovani andavano a rilevare una attività già esistente e  si erano accordati col venditore per subentrare  , pagando  a rate il dovuto, per un periodo di qualche anno.

Stando così le cose e volendo iniziare subito a lavorare non esistevano in quel periodo  bandi a fondo perduto adatti a loro .

Si poteva pensare alle garanzie rilasciate dai consorzi fidi per poi chiedere un finanziamento bancario.

Questo però non era così facile in quanto I giovani non avevano proprietà , e nemmeno reddito .
Avevano un garante che però presentava un reddito “scritto” nel modello Unico 2009 poco significativo per garantire dei finanziamenti rimborsabili.

Cosa rimaneva da fare?

Visto che il precedente proprietario con atto scritto concedeva loro la dilazione , i compratori potevan evitare al momento di indebitarsi con la Banca , cosa comunque da prendere in considerazione tra qualche anno quando ci sarà da pagare la somma finale per l’acquisto definitivo.

A questo punto  rimaneva da chiedere un fido per scoperto di conto corrente per avere un minimo di disponibilità di liquidità.

Il funzionario Bancario di riferimento all’esame dei documenti , senza sbilanciarsi più di tanto ,comportandosi correttamente e mettendo le mani avanti ha specificando che l’esito della pratica non dipendeva da lui ma dal deliberante .

Egli aveva però fatto intendere che la piccola cifra richiesta per l’affidamento poteva essere presa in esame con firma del garante , che nonostante avesse i redditi bassi ,con le sue proprietà poteva sicuramente garantire tale cifra.

In seguito a solleciti su solleciti dopo quasi un mese la pratica è stata bocciata perché si presentava debole ma anche perché uno dei due giovani non aveva detto, nel colloquio con il funzionario  , che aveva un altro finanziamento in corso acceso qualche mese prima  quando non era ancora disoccupato.

Morale della storia:

1) I giovani ormai si sa ,sono penalizzati se non hanno garanzie e purtroppo le attività tradizionali sono ormai difficilmente agevolabili o comunque è molto difficile rientrare nei paramentri richiesti dai bandi che prediligono l’innovazione .

2) Quando si va a chiedere un finanziamento bisogna cercare di essere il più trasparenti possibile .Così facendo si possono evitare istruttorie di pratiche che non stanno in piedi oltre che a risparmiare tempo .

E tu cosa ne dici ? lascia il tuo commento !!!

Ciao Patrizio Gatti

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clicca qui per avvertirmi di successivi commenti tramite e-mail. You can also subscribe without commenting.

Comments links could be nofollow free.