fbpx

Come non fare diventare sproporzionato il Magazzino di un negozio!!!

Come non aumentare il valore del Magazzino


Alla fine di febbraio 2010 è venuta da me una giovane commerciante che dopo anni   di attività ,un negozio di articoli  vari e per la casa, mi dice che  non riesce a diminuire lo scoperto di conto corrente anzi il suo fabbisogno di finanziamenti aumenta costantemente.

Per accontentare tutti negli anni precedenti  , lei ha creato un magazzino sproporzionato nei confronti del suo fatturato cioè il valore delle merci in magazzino stava superando il  suo volume di affari .

O meglio… Aveva il valore del magazzino scritto in bilancio.

Infatti, la merce in magazzino col tempo si è svalutata e la  titolare sarà costretta a svenderla ricavandoci neppure la metà di quanto  pagato  , con conseguente perdita  economica.

Purtroppo per la sua tipologia di mercato per ordinare  un pezzo che le manca e rendere felice il cliente ,a volte la negoziante, deve acquistare dei set completi ,parte dei quali  le rimangono in magazzino o vengono venduti a lungo termine.

La giovane commerciante  naturalmente è felice di accontentare il cliente che magari spende  10 euro ,ma che ritornerà sicuramente a rifare compere tra sei mesi ,un anno  o chissà quando .

E’ però assodato che ,per ricavare 10 euro, la negoziante deve acquistare per esempio  100 euro , e i 90 euro le rimangono  in magazzino .

Questi   90 euro in più dovranno essere poi pagati al fornitore  entro  60-90 giorni dall’acquisto .

Per saldare nei tempi prestabiliti  tutta la merce,  la commerciante deve utilizzare i fidi bancari ,perché con le vendite  non riesce a recuperare ciò che acquista in più.

E’ chiaro che così facendo incrementa il valore del magazzino ed aumenta  il debito bancario.

A questo punto ho suggerito alla negoziante di diminuire gli acquisti , provando a crearsi  una nicchia di mercato.

Nonostante tutto la titolare voleva  continuare ad accontentare tutti per la paura di perdere qualche cliente.

Riguardo a ciò Le ho detto : “Signora se continua ad accontentare tutti lei aumenterà il  buco finanziario. Provi a  selezionare gli articoli  , rifaccia mente locale a quello che può abbandonare e a quello che viene venduto di più .”

Le ho ricordato inoltre  questo presupposto della PNL (Programmazione Neuro-Linguistica)  “se fai quello che hai sempre fatto, otterrai quello che hai sempre ottenuto” –

Alla luce di ciò , lei ha cambiato espressione della faccia e  con un sorriso mi ha promesso che farà una ulteriore selezione provando a farsi la sua nicchia di mercato decidendo   lei che cosa vendere e non farsi trascinare dalle richieste momentanee di pochi.

E tu cosa ne pensi?

A cura di Patrizio Gatti

Per rimanere aggiornato con questo blog iscriviti ai Feed RSS

E tu cosa ne pensi ? Lascia il tuo commento

===========================================

Ti è interessato questo articolo?

Ricevi i continui aggiornamenti sulla gestione aziendale Iscrivendoti gratuitamente alla nostra Newsletter

Iscriviti subito e ricevi anche un Omaggio

Nome:
Email:
Rispettiamo la tua privacy e detestiamo lo spamming quanto te: il tuo indirizzo non sarà comunicato, ceduto o prestato a NESSUNO. Ogni e-mail di aggiornamento conterrà un link da cui potrai cancellarti facilmente e con un solo click.
Consenso al trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del T.U. Privacy (D.Lgs. 196/03).

===========================================


Diventa Fan su Facebook alla ns. pagina “Mondo d’impresa “

Questo articolo è stato pubblicato il 14-05-2010 sul blog  www.giacomobruno.it

Patrizio Gatti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clicca qui per avvertirmi di successivi commenti tramite e-mail. You can also subscribe without commenting.

Comments links could be nofollow free.